The symbol of Fraud Picture

Nella mitologia Greca, il gigante Gerione era un mostruoso essere dotato di tre corpi dalla cintola in su, che possedeva dei buoi meravigliosi, in un territorio vicino allo stretto di Gibilterra.
Venne ucciso da Ercole, in una delle sue fatiche, nella quale gli rubò anche il suo magnifico bestiame.

Dante nella divina commedia reinterpreta la figura del mostro, rendendolo il smbolo stesso della fraudolenza e dell'inganno:
-l volto di un uomo giusto e onesto, poichè chi froda risulta spesso attraente e degno di fiducia
-Il corpo di un serpente, e il serpente è il simbolo del male in generale per la Chiesa.
-Le scaglie disegnate e colorate con motivi più elaborati dei drappeggi e stendardi orientali, perchè la frode sa ammaliare prima di colpire
-Le zampe artigliate pronte a ghermire
-La coda di scorpione, che simboleggia il fatto che il tradimento è imprevedibile e spesso attacca alle spalle, come uno scorpione attacca rapido e preciso con la sua coda.

Il mostro porterà poi Dante e Virgilio in groppa sino al ottavo cerchio, nelle Malebolge

-----------------------------------------------------------------

In greek mythology, Gerion was a Giant, a monstrous one with three bodies. He had some beautiful oxen, that were stolen by Hercules, as one of his labours, the giant was also killed by the Hero.

Dante reinterpretate this monster, and makes him as the symbol of fraud:

-He has the face of a honest man, because the fraud makes you think that you can trust at the beginning
-A big snake body, and the snake is the simble of Evil for the Church
-The scales are coloured and with some great textures, that reminds to some oriental paintings or mosaics, because the fraud is very enchanting, such as a beautiful art work
-Two limbs with sharp claws, ready to attack
-A scorpion tail, 'cause the fraud is a stab in he back, unpredictable, just like the scorpion with his tail, fast and painful


The monster will take Dante and Vergil in the 8th circle.
The Parthanon
Wyvern
The symbol of Fraud
For Ekarin.
Fenris